Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per conoscere i cookie utilizzati dal nostro sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se continui nella navigazione di questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

  • "La Cripta del Peccato originale, nota per i suoi affreschi
    come la 'Cappella Sistina del rupestre'"

    LA REPUBBLICA

  • "It is a wonder"

    THE NEW YORK TIMES

  • "Una delle chiese rupestri più suggestive del Sud Italia"

    IL MESSAGGERO

  • "Una delle opere d'arte più affascinanti e misteriose della Basilicata"

    RAI NEWS

  • "The Eve emerging from Adam's rib leaves little to the imagination
    about why that original sin happened."

    REUTERS

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

LA CRIPTA DEL PECCATO ORIGINALE E' VISITABILE SOLO SU PRENOTAZIONE
A partire dal 6 agosto 2021, per accedere al Sito sarà necessario esibire la Certificazione verde COVID-19 (Green pass), insieme a un documento di riconoscimento. Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica. I biglietti acquistati on line prima dell'entrata in vigore dell'obbligo del Green pass per l'accesso ai siti culturali non saranno rimborsati in mancanza della suddetta certificazione.
Per maggiori informazioni sull'argomento cliccare QUI.

La Cripta del Peccato Originale era il luogo cultuale di un cenobio rupestre benedettino del periodo longobardo. È impreziosita da un ciclo di affreschi datati tra l’VIII e il IX secolo, stesi dall’artista noto come il Pittore dei Fiori di Matera ed esprimenti i caratteri storici dell’arte benedettina-beneventana. La parete sinistra è movimentata da tre nicchie, su cui sono raffigurate rispettivamente le triarchie degli Apostoli, della Vergine Regina e degli Arcangeli. La parete di fondo, invece, è ravvivata da un ampio ciclo pittorico raffigurante episodi della Creazione e del Peccato Originale.

Il prezioso ciclo di affreschi, per anni aggredito da muschi, licheni e cianobatteri, è stato recuperato grazie al progetto della Fondazione Zétema, con la consulenza dell’Istituto Centrale del Restauro e la partecipazione di impegnate professionalità. L’intervento di restauro, reso possibile grazie ai finanziamenti delle Fondazioni CARIPLO di Milano, CARISBO di Bologna e Cassa di Risparmio di Piacenza e Vigevano nell’ambito del progetto Sviluppo Sud dell’ACRI, costituisce un modello di riferimento scientifico, un codice di pratica per i futuri interventi sul patrimonio rupestre mondiale.


CONSERVA IL TUO BIGLIETTO!

Entro 7 giorni dalla data indicata nella tua prenotazione, potrai visitare - a prezzi ridotti
il MUSMA Museo della Scultura Contemporanea Matera e La Casa di Ortega.

 

Newsletter